Il futuro della vendita al dettaglio

 

La cosa davvero emozionante è proprio questa sorpresa nel settore della vendita al dettaglio. Passeremo dal sapere di voler qualcosa e pensare che è disponibile al sapere di voler qualcosa e ottenere esattamente ciò che vogliamo. Ci sarà libertà di circolazione del pensiero.

Andrew Wegner Authentise

Il settore della vendita al dettaglio cambierà profondamente nei prossimi vent'anni.
Innovazioni come i droni per la consegna, le stampanti 3D e gli specchi virtuali stanno per trasformare il modo in cui facciamo acquisti,
mentre gli esperti del settore ci spiegano come e perché stanno avvenendo questi cambiamenti.

Personalizzazione
in 3D

L'esperienza di acquisto sta cambiando. Nella vendita al dettaglio, i confini tra produzione, retail, spazi domestici e digitali stanno diventando sempre più labili e proprio da qui emergerà una nuova cultura dell'acquisto.

Susan Olivier Vice Presidente, Prodotti di largo consumo e vendita al dettaglio, Dassault Systèmes

La tecnologia 3D è già ampiamente utilizzata nella progettazione e nella produzione, ma forse non molti di noi sanno che questa tecnologia è destinata a occupare un ruolo di primo piano anche nella vendita al dettaglio, per dare ai clienti esattamente ciò che desiderano.

Immaginiamo che il software 3D venga utilizzato per progettare veicoli, edifici e progetti infrastrutturali, ma nell'abbigliamento a cosa serve? Marchi di moda come Julien Fournié hanno già ideato intere collezioni di calzature usando la piattaforma 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes.

Presto i clienti faranno acquisti su misura grazie a schermi 3D particolareggiati, olografici oppure piatti con la grafica CGI.

La personalizzazione potrebbe sembrare una complicazione inutile al rivenditore al dettaglio, ma in realtà può aumentare le vendite: i clienti si aspettano infatti di poter restituire gratuitamente gli acquisti indesiderati o della taglia sbagliata. Secondo una ricerca di Fits.Me, azienda creatrice di camerini virtuali, il valore perso dei capi restituiti è pari a 15,5 miliardi di dollari all'anno a livello mondiale.

Nel settore della produzione è in crescita anche la stampa 3D. Aziende come Amazon prevedono furgoni che raggiungeranno i clienti, stampando direttamente per loro. I clienti potranno inoltre acquistare stampanti proprie per creare i prodotti a casa.

La stampa 3D è un processo di creazione di un oggetto fisico a partire da un modello digitale tridimensionale, principalmente basato sulla plastica ma anche su altri materiali come resine, metalli e ceramiche. La stampa 3D può inoltre produrre oggetti, come una bicicletta, usando una combinazione di materiali già assemblati. Attualmente il processo è impiegato principalmente in ambito medico, ma in futuro risulterà particolarmente utile per la stampa di articoli quali gli accessori.

Con lo sviluppo e la sempre maggiore accessibilità economica della stampa 3D, questa tecnologia sfiderà radicalmente gli attuali limiti della produzione "in fabbrica".

Il punto vendita del futuro

Dal concept
al punto vendita

È il 2035. Amy Smith vuole comprare dei nuovi vestiti. Sappiamo già che probabilmente personalizzerà i propri prodotti, ma in che cos'altro i processi di produzione e di vendita saranno diversi?

Spazi che cambiano:

Amy comprerà da casa? In un punto vendita? O in uno spazio totalmente virtuale? Non sono più le pareti a definire un rivenditore al dettaglio. Sono state sviluppate tecnologie che consentono ai negozi virtuali di comparire sui cellulari in base alla posizione dell'acquirente. Dettaglianti come Peak Performance stanno già testando questa innovazione.

Se Amy non si reca in un negozio, la sua esperienza sarà lontana anni luce dalla nostra esperienza odierna. Susan Olivier, Vice Presidente Prodotti di largo consumo e vendita al dettaglio di Dassault Systèmes, le cui soluzioni software sono utilizzate da importanti marchi di moda e rivenditori al dettaglio per aiutarli a creare esperienze clienti vincenti, spiega: "I negozi del futuro saranno come teatri di idee con grandi specchi e pareti virtuali che rilevano e mappano gli acquirenti. I negozi somiglieranno più a dei laboratori di progettazione."

Punto di pagamento:

In che modo pagherà Amy? Ebbene, potrebbe essere "telepatico!" La BBC (in collaborazione con la società tecnologica This Place) ha sviluppato un sistema per cui è possibile selezionare i programmi TV usando un paio di cuffie che legge le onde cerebrali. Il famoso futurologo James Bellini prevede che questa stessa tecnologia un giorno verrà utilizzata nei punti vendita per consentire di pagare semplicemente con il pensiero.

Materiali intelligenti:

Il vestito di Amy sarà fatto di materiali "intelligenti". I tessuti autoriparanti, ovvero che aggiustano da soli piccoli strappi e fori, verranno usati in molti prodotti, non soltanto nell'abbigliamento: dagli schermi dei cellulari agli smalti per unghie fino alle scarpe.

Produzione futura:

A differenza della maggior parte della produzione odierna, i vestiti personalizzati di Amy probabilmente verranno realizzati nello stesso paese in cui vengono ordinati, o persino nel punto vendita. "La produzione si sta spostando a ovest dal momento che la Cina risulta sempre più costosa. Ciò contribuisce allo speed-to-market e aiuta i rivenditori a innovare per adattarsi alle esigenze dei consumatori", spiega John Miln di UK Fashion & Textiles. Se il capo d'abbigliamento di Amy fosse esternalizzato in Cina, sarebbe realizzato dai robot: si prevede che l'industria robotica cinese sarà la più veloce al mondo tra 30 anni, spiega l'imprenditore tessile cinese Wang Yanzhu.

Il processo di consegna:

Entro il 2020, i droni consegneranno i prodotti direttamente nelle case. Amazon sta attualmente progettando questo tipo di sistema di consegna con Prime Air. Nel frattempo, con il recente acquisto di otto società di robotica da parte di Google, prendono corpo le voci che la società stia sviluppando robot che operano con veicoli senza pilota per consegnare i prodotti.

Utili futuri della vendita al dettaglio

Previsione degli utili mondiali della vendita al dettaglio provenienti dai prodotti personalizzati stampati in 3D

Previsione degli utili mondiali della vendita al dettaglio provenienti dai prodotti personalizzati stampati in 3D

Entro il 2020, i prodotti stampati in 3D contribuiranno per 5,72 miliardi di dollari al settore della vendita al dettaglio globale.