ott 05 2011

“Staying Alive”: quando la simulazione in 3D salva la vita

Con la soluzione di Dassault Systèmes per lo sviluppo di esperienze interattive online in 3D, chiunque può imparare a praticare un intervento di pronto soccorso

MILANO, 5 ottobre 2011 — Dassault Systèmes (3DS) (Euronext Paris: #13065, DSY.PA), azienda leader a livello mondiale nelle soluzioni 3D e nelle tecnologie per il Product Lifecycle Management (PLM), ha annunciato il lancio di un’esperienza realistica online in 3D chiamata “Staying Alive” e sviluppata in collaborazione con iLUMENS, un laboratorio dell’Università Paris Descartes che sfrutta le tecnologie di simulazione per la formazione in ambito medico. Sul sito web Staying Alive, i professionisti del settore sanitario e chiunque sia interessato hanno la possibilità di apprendere i comportamenti, le manovre e le tecniche appropriate che possono contribuire a salvare la vita di una persona colpita da arresto cardiaco.

Con questo progetto, Dassault Systèmes si impegna in prima persona contro gli infarti, una delle patologie più preoccupanti per il settore della sanità pubblica, e apre nuove strade all’impiego delle proprie soluzioni digitali. In un ambiente virtuale in 3D, chiunque può fare pratica ed esercitarsi negli interventi salvavita. Il personale sanitario e il pubblico in generale possono visualizzare gli interventi di pronto soccorso e provare a metterli in pratica in un ambiente 3D collaborativo via Web. Si possono valutare i risultati e svolgere sessioni congiunte con altri utenti, grazie a un’integrazione Facebook. Questo progetto punta a ridurre il numero di vittime da infarto, che ogni anno uccide oltre 250.000 persone negli Stati Uniti e 40.000 in Francia.

”Questi applicativi virtuali realistici in 3D sono molto più che semplici serious game. Chiunque può imparare velocemente con la pratica e le informazioni vengono memorizzate più facilmente," spiega Alexandre Mignon, MD, PhD, MBA, professore di anestesiologia e terapia intensiva, direttore di iLUMENS, AP-HP. Staying Alive è il primo progetto di questo tipo con l’obiettivo di garantire un apprendimento ottimale delle tecniche di intervento, grazie alla possibilità di fare tutta la pratica necessaria prima di intervenire su un paziente in carne e ossa. Il progetto, basato su un’esperienza realistica, consente a chiunque di apprendere le cure da somministrare al paziente dopo aver chiamato il pronto intervento.”

Molti produttori di apparecchiature medicali utilizzano già le soluzioni di Dassault Systèmes per progettare le loro apparecchiature in 3D. Una di queste è Philips, il cui defibrillatore HeartStart (HS1) è appositamente studiato per essere utilizzato da persone non qualificate; l'apparecchio è inserito in un ambiente virtuale all’interno del progetto Staying Alive. Gli utenti possono maneggiare il defibrillatore in svariate situazioni, a scopo di formazione, simulazione, comunicazione e manutenzione.

“Crediamo che il mondo virtuale possa migliorare il mondo reale in cui viviamo,” afferma Frédéric Vacher, Director, Content & Media Strategy Marketing, Dassault Systèmes. “Mettiamo a disposizione della professione medica le stesse tecnologie che si sono dimostrate preziosissime in molti altri settori. Con questa nuova esperienza realistica, stiamo aprendo la via a nuove tipologie di impieghi per la simulazione in 3D e a nuove categorie di utilizzatori.”

Entro breve tempo verrà lanciata una serie di esperienze mediche simili, chiamata MEDUSIMS™.

Staying Alive sostiene la Giornata Mondiale del Cuore, che si è svolta il 29 settembre 2011:www.world-heart-federation.org.

L’iniziativa Staying Alive è sostenuta dalla SFAR (Société Française d’Anesthésie et de Réanimation - www.sfar.org) e dal CFRC (Conseil Français de Réanimation Cardio-pulmonaire) – www.cfrc.fr ).

L’esperienza realistica sviluppata con 3DVIA Studio di Dassault Systèmes è accessibile su www.stayingalive.fr/en  and www.3dvia.com.