lug 11 2012

Piena compatibilità con la nuova versione della release V5 di Dassault Systèmes

I prodotti e i componenti nativi V6 possono essere modificati con la V5; prosegue l’evoluzione della V5

MILANO — 11 luglio 2012 — Dassault Systèmes (Euronext Paris: #13065, DSY.PA), “The 3DEXPERIENCE Company”, azienda leader a livello mondiale nel software di progettazione 3D e nelle soluzioni di 3D Digital Mockup e Product Lifecycle Management (PLM) ha annunciato la disponibilità della nuova release della soluzione PLM Versione 5 che comprende CATIA, DELMIA, ENOVIA e SIMULIA.

La nuova release promuove l’adozione della piattaforma 3DEXPERIENCE sviluppata da Dassault Systèmes e si caratterizza per un’importante evoluzione in termini di compatibilità V6-V5. Le aziende produttrici e i loro fornitori in tutti i settori industriali potranno apportare modifiche e scambiarsi i progetti con la massima flessibilità, intervenendo in ogni momento durante il processo di progettazione senza curarsi del fatto che i dati siano nativi V5 o V6. Si tratta di un altro grande passo avanti nelle funzionalità di collaborazione per la V5 e la V6.

Gli utenti di CATIA Versione 5 potranno modificare le feature dei modelli Versione 6 lavorando con la Versione 5. Nessun altro vendor del settore CAD/PLM offre lo stesso livello di compatibilità a ritroso. Le nuove funzionalità permetteranno ai clienti e alle loro supply chain di beneficiare del valore della V6 nell’ambito delle loro implementazioni V5.

“Quando abbiamo creato la Versione 6, eravamo consapevoli che i clienti avrebbero lavorato in ambienti misti V5/V6. “Da quel momento abbiamo cercato attivamente di soddisfare le loro esigenze in tutti i settori,” ha dichiarato Dominique Florack, Senior Executive Vice President, Products, Research and Development, Dassault Systèmes. “Lo sviluppo integrato delle soluzioni V5 e V6 garantisce una compatibilità che non ha paragoni.”

Dassault Systèmes ha ribattezzato questa versione della V5 come V5-6R2012 per sottolineare la compatibilità e la sincronizzazione fra la V5 e la V6, nonché l’arricchimento delle soluzioni V5 con elementi selezionati della tecnologia V6. I clienti della V5 potranno accedere direttamente al portafoglio aperto delle soluzioni V6 e trarre vantaggio dai notevoli investimenti in ricerca e sviluppo di Dassault Systèmes. I clienti possono migrare alla V6 secondo le proprie tempistiche, continuando a collaborare senza nessun problema con i reparti, i clienti e i fornitori che utilizzano la V5. I modelli V6 aperti con la V5 mantengono le feature create, ad esempio, con i workbench e il knowledgeware Part Design, Sketcher e Generative Surface Design della V6.

“Un aspetto fondamentale per Renault e la sua organizzazione diversificata su scala globale è stata la transizione dalla V5 alla V6. La compatibilità fra le due piattaforme annunciata da Dassault Systèmes accelererà l’adozione della V6 all’interno del nostro ecosistema,” ha dichiarato Olivier Colmard, Vice President, Information Systems for Engineering & Quality, Renault. “Abbiamo fatto la scelta strategica di implementare la V6 per trasformare i nostri processi di sviluppo dei prodotti. I risultati raggiunti oggi nell’ambito della ricerca e sviluppo sono esattamente ciò che ci aspettiamo dai nostri partner fornitori di soluzioni PLM.”

“Jaguar Land Rover, tra i principali costruttori mondiali di auto di lusso e sportive, ha una supply chain differenziata e internazionale. Vediamo chiaramente il valore generato da una maggiore compatibilità fra la V6, che stiamo implementando in questa fase, e la V5, già ampiamente diffusa nella nostra supply chain. La possibilità di modificare i modelli della Versione 6 lavorando con la Versione 5 garantisce ai membri del nostro team, sia presso JLR sia nella nostra supply chain, una collaborazione più semplice ed efficace,” ha dichiarato John Knight-Gregson, i-PLM Programme Director, Jaguar Land Rover. “La valutazione realistica del grado di diffusione della V5 da parte di Dassault Systèmes e l’impegno costante dell’azienda per garantire una sempre migliore coesistenza fra una versione e l'altra dimostrano grande attenzione alle esigenze dei clienti.”

Dal lancio della V6, Dassault Systèmes ha sempre mantenuto la promessa di garantire una compatibilità senza precedenti tra la V5 e la V6.

•  Già prima di questa release, la compatibilità tra CATIA V5 e CATIA V6 equivaleva alla compatibilità tra le due release di CATIA V5. Questo permetteva una transizione alla V6 facile tanto quanto una transizione fra due diverse release della V5. Il nuovo annuncio supera ampiamente questo livello di compatibilità.

•  Per agevolare ulteriormente la compatibilità dei dati tra la V5 e la V6, il team di ricerca e sviluppo di Dassault Systèmes ha innestato nelle soluzioni V5 tecnologie selezionate della V6, come le innovazioni nella modellazione di superfici in classe A e la progettazione concettuale da CATIA Imagine & Shape.

• L’eccezionale apertura e le funzionalità di coesistenza permettono il riutilizzo dei modelli V5 esistenti e di altri dati nelle strutture di prodotto ibride V6. I progettisti possono creare in tempo reale una struttura ibrida di prodotto nella V6 composta da dati di CATIA V6, CATIA V5, CATIA V4, SolidWorks, NX di Siemens e Pro/Engineer di PTC. La struttura che ne risulta consente la revisione in tempo reale della progettazione e l'analisi del prodotto virtuale, indipendentemente dallo strumento nativo da cui è stata generata.

Per ulteriori informazioni sulla collaborazione tra versioni, visitate il sito http://www.3ds.com/products/v5-latest-release

###